Prestissimo riprenderò a scrivere, siete avvisati

Foto di Federico Nalesso

Foto di Federico Nalesso

Ultimamente ho disertato il blog, troppo lavoro e un po’ di delusione sul suo andamento, ma la voglia di brontolare non l’ho persa e tra pochissimo, subito dopo la prossima vacanza, inizierò nuovamente a molestare i miei due lettori. A prestissimo allora…

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Due forse, non due sì

Foto Ti-Press, scaricata da www.rsi.ch

Foto Ti-Press, scaricata da www.rsi.ch

Sì alla nuova Legge sui negozi, che però è subordinata a contratti collettivi che non vedranno mai la luce, senza poi dimenticare che è minacciata di referendum da socialisti, MPS e dall’Unia. Sì anche all’iniziativa “Salviamo il lavoro in Ticino” dei Verdi che dovrebbe introdurre un salario minimo, idea appena respinta da popolo e cantoni Svizzeri e che comunque andrà al voto. In pratica 2 “forse” più che 2 sì. Non è che a me piaccia l’idea di avere queste due leggi e per decine di motivi.

Continua a leggere

Pubblicato in Politica svizzera | Lascia un commento

Raddoppio Gottardo, il mondo al contrario, sinistra a favore e destra contro, fantastico

Gottardo

Post del 14 novembre 2014
Certo che i nostri politici, ex politici e possibili, ma improbabili politici ce ne stanno facendo veramente vedere di tutti i colori. Due notizie di ieri, la prima, “Una follia spendere 3 miliardi per un tunnel a metà“, è di un gruppuscolo di esponenti di destra che è contro il raddoppio della galleria del Gottardo, i motivi? Gli stessi di quelli serviti dalla sinistra fino ad ora, ma forse presentati peggio. La seconda notizia è questa:

Continua a leggere

Pubblicato in Politica svizzera | 1 commento

Ecopop e lo straniero che inquina, ma puzza anche?

Immagine copiata dal sito http://ecopopinitiative-ja.ch

Immagine copiata dal sito http://ecopopinitiative-ja.ch

Noi svizzeri in democrazia siamo i primi della classe, o almeno pensiamo di esserlo e quindi votiamo spesso, anche troppo spesso. In pratica per fare una nuova legge contro gli stranieri che ci vuole, vai nelle strade di Zurigo, raccogli 100’000 firme ed il gioco è fatto. Direte che non è vero, che poi la gente deve votare e non è detto che un argomento passi. Ammetto di aver torto, ma solo se il tema non coinvolge gli stranieri, perché in quel caso ho ragione io, noi svizzeri siamo talmente imbambolati dal problema stranieri che presto voteremo anche una legge che consente di sparare contro lo straniero a vista, o di ammazzarli da piccoli.

Continua a leggere

Pubblicato in Politica svizzera | Lascia un commento

Canone televisivo, pagano tutti e Billag ringrazia

Immagine originale scaricata qui: http://graficanera.noblogs.org Poi modificata

Immagine originale scaricata qui: http://graficanera.noblogs.org
Poi modificata

Aggiornamento del 27 ottobre 2014

Io non me n’ero nemmeno accorto, ma sembra che io non sia il solo che non ne voglia più sapere della Billag e i suoi 40 ladroni. Infatti c’è una bell’iniziativa che si chiama “Sì all’abolizione del canone Billag“. Il sito fa schifo ed è solo in parte in italiano, ma è comunque possibile scaricare il volantino per firmare il sostegno all’iniziativa.

Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Le mie vacanze in Indonesia e Singapore

Isola di Siladen, Nord Sulawesi, Indonesia

Isola di Siladen, Nord Sulawesi, Indonesia

Per gli stessi motivi dell’anno scorso, anche quest’anno ho riservato le vacanze presso Nositour.it, tour operator specializzato in viaggi per subacquei (ma non solo…). Il viaggio prevedeva la partenza da Milano Malpensa, una notte a Singapore, poi 6 notti presso un resort per subacquei a Manado in Indonesia, poi 7 notti presso un altro resort sull’isola di Siladen (Indonesia) per poi tornare verso Singapore, passare lì l’ultima notte e rientrare a Milano il giorno seguente. Vacanze bellissima, se vi va, eccovi qualche immagine…

Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , | 8 commenti

28 settembre 2014, come voto io e perché…

Aggiornamento del 2 ottobre 2014

Tornato da un paio settimane di vacanze mi sono guardato i risultati delle votazioni. A livello federale in pratica ho votato come la maggior parte degli svizzeri (la cosa mi preoccupa un po’…). Un NO è andato sia alla cassa malati pubblica che alla ristorazione che voleva ridursi l’IVA, qui i risultati ufficiali.
Anche a livello cantonale due NO, quindi sia all’iniziativa “Aiutiamo le scuole comunali” che contro il finanziamento alla partecipazione finanziaria a Expo 2015, qui i risultati ufficiali.

Continua a leggere

Pubblicato in Politica svizzera | 2 commenti

Grazie USTRA per quest’altra fantastica novità, rubata ad altri

Immagini dalla trasmissione della RSI "il Quotidiano"

Immagini dalla trasmissione della RSI “il Quotidiano”

Come dicevo solo ieri, l’USTRA vorrebbe piazzare un sistema che non serve a niente (vedi sotto) per prevenire gli incidenti causati da chi imbocca l’autostrada in contromano, ma c’è dell’altro. Oggi infatti la trasmissione il Quotidiamo della RSI (per vedere il servizio, clikkare su “Polemiche contromano), ci informa che quel sistema elettronico non è nemmeno il loro, ma è stato sviluppato dagli inventori di un altro sistema che si chiama “Okkio al pedone“. Entrambi sono ticinesi e avevano già presentato il loro progetto all’USTRA che allora si dimostrò poco interessata. Ieri però in un comunicato l’USTRA ha spiegato cosa voleva fare e i signori Dall’Acqua e Hösli sono convinti che si tratta proprio di quello che allora avevano proposto all’USTRA. In pratica sembra che l’USTRA, oltre a fare un pessimo lavoro in generale (cercate i vari articoli in questo blog), rubino anche le idee degli altri, complimenti. Per fortuna gli inventori di questo sistema l’avevano brevettato e faranno quindi valere i loro diritti, quindi “affaire à suivre”…

Continua a leggere

Pubblicato in Politica svizzera | 2 commenti

I radar non sono 53? Anche 1 solo è troppo se la politica è incapace

Foto scaricata da Blick.ch

Foto scaricata da Blick.ch

In Ticino le polemiche vanno ad ondate, ma in queste ultime settimane, oltre all’invito del pedofilo Polansky al 67esimo festival del cinema di Locarno che ha poi deciso di rimanere a casa, a giorni alterni si parla di radar. Ci sono infatti alcuni politici che vorrebbero aumentare il numero di postazioni radar, per poi scoprire che siamo già uno dei cantoni con il maggior numero di radar per abitanti, cosa che io già immaginavo. Scoperto questo la nostra polizia si è affrettata a comunicarci che il numero di radar pubblicato negli scorsi giorni, cioè 53, non corrisponde al vero e che in realtà i radar sono molto di meno. Ma veniamo all’elenco di questi radar che ha pubblicato ieri Tio (si può leggerlo qui), beh chi ci capisce qualcosa è bravo, ma se non sono proprio 53 sono pochissimi di meno. Alla fine però a me non interessa quanti esattamente siano, ma molto di più a cosa servono. Ufficialmente per la politica nostrana servono alla sicurezza, ma siccome quasi ogni sindaco del Cantone vuole uno o più radar non posso credere alla versione ufficiale.

Continua a leggere

Pubblicato in Politica svizzera | 3 commenti

Bertoli e gli insulti sui social network, ma i fessi siamo noi

Ti-Press / Benedetto Galli, foto scaritata da http://www.liberatv.ch

Ti-Press / Benedetto Galli, foto scaritata da http://www.liberatv.ch

Voglio dare anch’io un piccolo, forse inutile, contributo alla diatriba tutta ticinese di questi giorni. Non lo voglio fare per difendere il povero politico che in questi giorni è insultato più o meno da tutti sui social network, lo voglio fare perché nelle ultime ore vi sono politici di quasi tutti gli schieramenti politici (PLR, PPD,PS e Verdi) che trovano vergognoso e scandaloso il fatto che un politico possa venir insultato su Internet. La questione però è molto più semplice di quella che sembra, uno che scrive insulti è un maleducato e basta. Ma che dire al politico, Consigliere di Stato della Repubblica del Canton Ticino, che durante i festeggiamenti della Festa nazionale sale sul pulpito e in pratica da degli ignoranti a tutti gli svizzeri per come hanno votato nelle ultime occasioni? Beh, a modo mio, e come minimo, che lo stesso politico non ha nessun rispetto sia per i suoi elettori, che per i ticinesi che gli hanno affidato un posto (di lavoro) quale ministro nell’esecutivo cantonale.

Continua a leggere

Pubblicato in Politica svizzera | 6 commenti

Una passeggiata nel Parco Botanico del Gambarogno

 

Vista dal Parco Botanico del Gambarogno

Vista dal Parco Botanico del Gambarogno

Un’idea per una passeggiatina domenicale questa volta l’ho avuta dalla trasmissione RSI il Quotidiano ed in particolare dal servizio andato in onda il 29 marzo 2014 intitolato “I colori delle camelie” (attenzione, per vedere il video è necessario Real Player). Stamattina quindi ho “aperto” l’iPad per andare a vedere dove avrei potuto trovare il parco e sono caduto sul sito Internet di Gambarogno turismo. Per un ticinese è facile trovare il parco, ma forse per qualcuno che viene da un po’ più lontano converrebbe sempre mettere un indirizzo preciso, cosa che manca sul sito citato sopra (stesso problema l’ho avuto per questo, in pratica è un vizio non mettere gli indirizzi…). Quindi, per chi ha un GPS, si sieda in auto, accenda il GPS ed inserisca questo indirizzo: Via Parco Botanico, 6579 Piazzogna, Svizzera. Chi invece non è all’avanguardia e vuole cercarsi il posto “alla moda vecchia” segua queste indicazioni.

Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , | Lascia un commento

Gli automobilisti non sono “Vacche da mungere”, evitiamo l’aumento della benzina…

Vacca_da_mun

È ormai noto che il paventato aumento del costo della vignetta è stato scongiurato dalla popolazione nella votazione federale del 24 novembre 2013 (qui potete leggere i dettagli sul tema). Molti però prevedevano, a ragione, che se il popolo avesse respinto l’aumento della vignetta, il Consiglio federale avrebbe tentato di recuperare i soldi tramite l’aumento della benzina. Infatti qualche giorno fa il Consiglio federale si è inventato il FOSTRA (Fondo per le strade nazionali e il traffico d’agglomerato), in pratica un “fondo” per aumentarci il prezzo dei carburanti (qui i dettagli in merito). La cosa dovrebbe già terrorizzarci solo dal nome, infatti FOSTRA fa rima con USTRA (Ufficio federale delle strade), che è quell’ufficio federale che ogni hanno sperpera miliardi dei nostri soldi per lavori inutili e per farci dare delle multe salatissime (leggete pure altri post scritti in merito: uno, due e tre).

Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

USTRA, nuovo anno e nuovi lavori inutili

 

Articolo apparso oggi su "LaRegione"

Articolo apparso oggi su “LaRegione”

Si sa, spesso leggere i giornali può essere controproducente per il sistema nervoso. Non so perché, ma a me m’innervosiscono soprattutto gli annunci dell’Ufficio federale delle strade (in seguito USTRA), in pratica tutti. Tutti perché trovo che quest’ufficio sarebbe da chiudere, versare i 9 miliardi e passa che la Confederazione incassa con le varie tasse ai Cantoni e lasciare che decidano loro cosa fare delle strade nazionali sul loro territorio, esattamente come fanno per le strade cantonali (anche un po’ meglio…). Il perché è presto detto, a parte le leggi assurde e provocatorie che non si sa come fanno passare per punire i “pirati della strada“, trovo che usano malissimo i nostri soldi e si permettono cose che non dovrebbero permettersi. Ma passiamo al tema di oggi…

Continua a leggere

Pubblicato in Politica svizzera | Lascia un commento

Castagnola – Gandria, una passeggiata bellissima

IMG_3100

Abitando in Valle di Blenio uno può prendere anche brutti vizi, infatti se uno deve proprio fare una passeggiata non ha che da scegliere, c’è di tutto, percorsi montani, in pianura e di tutte le difficoltà. Io purtroppo devo stare attento, l’anno scorso ho fatto un’operazione alla schiena molto pesante e prima di rimettermi a fare il bullo su percorsi di media o alta difficoltà devo ancora aspettare, quindi ho poche scelte; devo fare passeggiatine da pensionato. Proprio ieri mia moglie mi spiegava che alle televisione avevano fatto vedere un percorso molto bello tra Castagnola e Gandria (Lugano) e che avremmo dovuto farlo. Stamattina, visto che il tempo si preannunciava bello, ho cercato questo percorso su Google e ho trovato questo “Sentiero dell’Olivo” che mi è subito piaciuto e quindi siamo partiti.

Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , | 1 commento

Sergio Savoia promuove il salario minimo, ma il Ticino non è ancora pronto

Soldi_jpeg

Oggi Savoia ha pubblicato sul suo blog un’accorata supplica per promuovere il salario minimo di CHF 4000.-, tema che andrà in votazione il 18 maggio 2014 (assieme a questi altri temi…). A dire il vero prima di entrare in materia ha provocatoriamente lasciato uno spazio libero affinché, chi non fosse d’accordo con lui, potesse inviargli qualche insulto. Avrei voluto rispondergli direttamente sul suo blog, ma visto che una volta ci ho provato e lui non mi ha pubblicato lo faccio direttamente da mio di blog, anche se non dovesse leggermi nessuno. Non sono d’accordo con lui, ma non sono nemmeno d’accordo con chi gli lancia epiteti, quindi cercherò “alla meglio” di motivare il perché non sono d’accordo.

Continua a leggere

Pubblicato in Politica svizzera | Lascia un commento

USTRA, regole troppo restrittive possono generare morti

 

Articolo apparso su "20 Minuti" all'inizio del mese di marzo

Articolo apparso su “20 Minuti” all’inizio del mese di marzo

Qualche giorno fa su “20 minuti” è apparso un articoletto che ho voluto tenere perché emblematico di quali sono le pericolosissime tendenze di comportamento viste le nuove norme recentemente inserite nella “Legge federale sulla circolazione stradale“. È infatti risaputo che i prezzolati funzionari dell’Ufficio federale delle strade (in seguito USTRA) odiano a morte automobilisti e motociclisti e quindi ogni anni ci fanno rimpiangere di essere automobilisti svizzeri inserendo, così come gli viene, regole sempre più insopportabili ed incredibili. Ogni anno naturalmente, quando quelli dell’USTRA presentano le loro nuove misure, ci vogliono far credere che lo fanno solo per la sicurezza, quando però è chiaro a tutti che è solo una questione di soldi, infatti aumentano le pene, ma soprattutto le multe e tutti i costi legati alla perdita della patente, senza contare le spese di giustizia ed un eventuale sequestro del veicolo.

Continua a leggere

Pubblicato in Politica svizzera | Lascia un commento