Due forse, non due sì

Sì alla nuova Legge sui negozi, che però è subordinata a contratti collettivi che non vedranno mai la luce, senza poi dimenticare che è minacciata di referendum da socialisti, MPS e dall’Unia. Sì anche all’iniziativa “Salviamo il lavoro in Ticino” dei Verdi che dovrebbe introdurre un salario minimo, idea appena respinta da popolo e cantoni Svizzeri e che comunque andrà al voto. In pratica 2 “forse” più che 2 sì. Non è che a me piaccia l’idea di avere queste due leggi e per decine di motivi.sports74.ru

reteks.ru

Basterebbe infatti leggerle entrambe per convincersi che potremmo benissimo farne a meno, ma non è questo che mi preoccupa oggi. Mi disturba di più che avere decisioni da un parlamento in campagna elettorale è uguale a non avere decisioni. Il colmo è che ci apprestiamo a rieleggere gente che non è capace di decidere per paura di rovinarsi la rielezione. Sarà quindi meglio che riflettere bene prima di fare le crocette sulle schede di voto e forse approfittare della possibilità di scegliere qualche faccia nuova per tentare di non ritrovarsi tra quattro anni nelle stessa identica situazione di oggi.

Antonio Aleo
@antonio_aleo
(su Twitter rispondo subito)

Questa voce è stata pubblicata in Politica svizzera. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *